Forest Stewardship Council®, un marchio a difesa delle foreste del pianeta

fsc_teaser

FSC® Forest Stewardship Council è un’organizzazione internazionale non governativa (ONG) indipendente e non a scopo di lucro, attiva dal 1993.  L’obiettivo di FSC è quello di garantire una gestione corretta e responsabile di foreste e piantagioni, una gestione che mantenga la biodiversità, la produttività e i processi ecologici, supportando anche la popolazione locale e non. Il marchio FSC viene rilasciato per tutti quei prodotti provenienti da foreste controllate e valutate in base a determinati standard ambientali, sociali ed economici.

FSC-Italia compare come associazione no-profit nel 2001, affermandosi come marchio di garanzia per i prodotti forestali – legno, carta ecc. L’importanza di questa organizzazione sta soprattutto in una visione d’insieme che va oltre le necessità sociali, economiche ed ecologiche del momento attuale, ma che pensa alle prossime generazioni, nel tentativo di preservare il patrimonio forestale.

Essere un’Azienda certificata, significa garantire che i prodotti realizzati in legno e derivati provengono da foreste controllate, gestite secondo gli standard previsti dal protocollo.

Esistono principalmente tre tipi di certificazioni. Per quanto riguarda la nostra azienda si parla di certificazione della Catena di Custodia (Chain of Custody – CoC). Questo sistema riguarda le aziende che acquistano e/o lavorano prodotti certificati FSC o che applicano etichette FSC ai propri prodotti. Si tratta di un monitoraggio dal luogo di origine al luogo di vendita, per assicurare che un prodotto che porta il marchio FSC venga realizzando, almeno in parte, con materiale proveniente da foreste gestite responsabilmente.

Grazie a questa certificazione un’organizzazione può garantire il mercato circa la provenienza del legname o della carta utilizzati per i propri prodotti e quindi dimostrare in maniera corretta, trasparente e controllata il proprio contributo attivo alla gestione forestale responsabile.

Una foresta viene gestita in modo sostenibile quando:

  • la quantità di legname tagliato non è mai superiore alla quantità che cresce in foresta;
  • dopo il taglio, gli alberi verranno ripiantati o verranno aiutati a rinnovare naturalmente;
  • vengono tutelati gli habitat per piante e animali selvatici e tutte quelle funzioni di protezione che normalmente la foresta svolge nei confronti del clima, del suolo e dell’acqua;
  • devono essere rispettati i diritti e il benessere dei lavoratori, delle popolazioni locali e dei proprietari forestali, ovvero di tutti coloro i quali si guadagnano da vivere in bosco o grazie ad esso;
  • viene incoraggiato lo sviluppo locale perché da esso dipende il benessere e la sopravvivenza del bosco stesso.

La certificazione si può applicare a prodotti di origine forestale, quindi legno e prodotti a base di legno o da esso derivati, come la carta. Sono inclusi anche i prodotti forestali non legnosi ma comunque provenienti da foreste gestite correttamente e certificate.

Gli altri tipi di certificazione sono la Gestione Forestale e il Legno Controllato.

La prima assicura che una foresta è gestita nel rispetto di rigorosi standard ambientali sociali ed economici, ma non consente di vendere il legno o altri prodotti non legnosi del bosco come certificati, né di etichettarli con i marchi FSC (è infatti necessaria anche la CoC).

La seconda riguarda il cosiddetto legno certificato, cioè legno accettabile secondo determinati criteri e quindi mescolabile con legno certificato durante la realizzazione di prodotti etichettati come FSC misto. In molti casi il Legno Controllato è considerato come il primo passo verso la certificazione di Gestione Forestale.

Ad oggi, quello di FSC è il sistema di certificazione forestale più accreditato al mondo, in termini di numero di certificati emessi (oltre 31.200 di cui 1.970 solo in Italia), rigore degli standard e aziende coinvolte nei processi; questo anche grazie ad un approccio alla gestione delle foreste orientato alla partecipazione, che unisce interessi ambientali, sociali ed economici in un sentiero comune.

Condividi su
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Categorie

Tag

Archivi