Il pavimento sopraelevato per dislivelli importanti – Firenze

Il pavimento sopraelevato per dislivelli importanti – Firenze

Il progetto per altezza pavimento finito 80 cm

Il progetto per altezza pavimento finito 80 cm

In questo progetto, ci siamo trovati di fronte a una situazione con due quote del solaio diverse, e per questi motivi la committenza ha optato per il sistema di pavimento sopraelevato Newfloor, soluzione ideale in questo tipo di casistiche. La necessità di intervenire con il pavimento sopraelevato principalmente nasce dall’esigenza di portare tutto il piano in quota, oltre che per evitare di sovraccaricare l’edificio con getti in cls riempitivi molto pesanti.

In questo caso abbiamo prodotto e fornito 500 mq di pannelli distribuiti su due piani, tipo G30AAK con l’anima in solfato di calcio di spessore 30 mm a bassa densità (1.100 kg/mc), con foglio di alluminio applicato sul lato inferiore – con funzione di barriera al vapore – e copertura in gres porcellanato Imola collezione Creative Concrete, finitura naturale R10. Il modulo finale del pannello misura 594×594 mm.

E’ stato necessario adottare 2 tipologie di struttura aventi altezze diverse per risolvere il dislivello di cantiere: al piano primo è stata utilizzata la struttura tipo SNFL con traverso leggero (H 18 mm a modulo 594×594 mm) e una colonna con regolazione 120/175mm per raggiungere l’altezza del pavimento finito di 17/20 cm. Al piano terra invece è stata fornita una struttura che permettesse di raggiungere l’altezza del pavimento finito di 78/80 cm. Per questo motivo è stato installato il traverso medio e una colonna regolabile da 700 a 790 mm, con l’incollaggio della base a terra tramite apposito collante.

Esistono infatti diversi tipo di struttura, da utilizzare a seconda delle esigenze in cantiere o delle portate meccaniche che dovrà sopportare il pavimento sopraelevato.